Via Zara 17, Cavallino (Le), Italy 73020 Tel: 0832/232134    Fax: 0832/232148

MINATRICE SERPENTINA

MINATRICE SERPENTINA

Ordine: Lepidoptera

Famiglia: Phyllocnistidae

Nome scientifico: Phyllocnistis citrella 

Descrizione del parassita

E’ un micro lepidottero che vive su tutti i Citrus. Le femmine depongono un numero variabile di uova, tanto sulla pagina inferiore che su quella superiore delle foglie, in prossimità della nervatura mediana. Compie diverse generazioni all’anno con cicli di sviluppo che con 26-29°C richiedono circa due settimane. Lo svernamento avviene entro le gallerie larvali, allo stato di crisalide o come larva.

Danni

Le larve danneggiano le foglie scavando mine sottoepidermiche sinuose, ripiegate su se stesse, di colore argentato. Il loro percorso presenta una linea continua di colore scuro costituita dagli escrementi liquidi solidificati della larva. La foglie colpite appaiono deformate, quelle che ospitano più mine ingialliscono e disseccano.

Oltre alle foglie, vengono colpiti i rametti e perfino i giovani frutti. I danni possono rivelarsi particolarmente gravi, sulle piante in vivaio e su quelle in allevamento e sugli innesti impedendo la crescita della vegetazione. Sulle piante in produzione il danno è più che altro di tipo estetico.

Difesa

Il controllo della minatrice serpentina, deve essere effettuata solo nei vivai o negli impianti giovani in crescita o su innesti al fine di favorire in pieno campo il contenimento naturale delle popolazioni dell’insetto da parte dei suoi antagonisti naturali. Si consiglia, a tal scopo di impiegare un prodotto a base di flufenoxuron, lufenuron, tebufenozide, metossifenozide e imidacloprid, azadiractina, abamectina, olio minerale bianco.

In alternativa ai trattamenti, dove possibile, si consiglia di anticipare la potatura preferibilmente rimovendo la vegetazione giovane interna alla chioma, quando si notano su di essa le tipiche mine fogliari. Evitare eccessi di concimazione, potature drastiche ed eccessi di adacquamenti, su piccole superfici si possono proteggere le piante, previa accurata disinfestazione delle stesse, con reti fitte o tessuto non tessuto, in modo tale da impedire il contatto dell’insetto con la pianta.